I nostri corsi

sez. 4.1 - LEAN MANUFACTURING Ed. 3 REV. 01

IL METODO GIAPPONESE DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE (n° 4.1.30 Ed. 3 Rev. 01)
 Prefazione ai moduli formativi La variazione del tipo di domanda ed il calo di competitività delle aziende italiane richiede agli imprenditori un impegno straordinario, uno ‘scatto d’orgoglio’ per recuperare posizioni perdute nello scenario nazionale ed in quello gl
Vai alla scheda del corso.
IL METODO 5 S (n° 4.1.31 Ed. 3 Rev. 01)
  Il metodo "5 S" , "Seiri" separare, "Seiton" riordinare, "Seiso" pulire, "Seiketsu" standardizzare, "Shitsuke" sostenere. Come rivisitare la tradizionale maniera di gestione dell'operatività quotidiana, attraverso una pratica
Vai alla scheda del corso.
IL METODO T.P.M. (n° 4.1.32 Ed. 3 Rev. 01)
 Nella logicica Lean la flessibilità di risposta al cliente è fondamentale, la via dell'eliminazione degli sprechi passa anche attraverso alla costante disponibilità delle macchine. Un'accurata manutenzione preventiva e programmata, che preveda costanti controlli, coinvolge
Vai alla scheda del corso.
IL METODO S.M.E.D. (single minute of exchange of die) (n° 4.1.33 Ed. 3 Rev. 01)
  In una delle prime applicazione dello S.M.E.D., introdotta dagli specialisti di Total Quality, si sono ridotti i tempi di set up di alcune presse da 1000 ton. di stampaggio lamiera, da 4 ore a pochi minuti. Il cambio rapido è un'attvità critica per ogni azienda che voglia lavor
Vai alla scheda del corso.
IL METODO “ 5 – S “ Activity on the field. (n° 4.1.34 Ed. 3 Rev. 00)

Vai alla scheda del corso.
IL W.P.O. (Work Place Organization) (n° 4.1.35 Ed. 3 Rev. 00)

Vai alla scheda del corso.
KANBAN (n° 4.1.36 Ed. 3 Rev. 00)
Il Kanban utilizza segnali visivi per regolare i flussi JIT senza supporti cartacei; Kanban in Giapponese significa “cartellino”. I cartellini consentono il funzionamento del Kanban in ottica Pull System, cioè sono "l'autorizzazione" a produrre ciò che è st
Vai alla scheda del corso.
Torna all'indice formazione

CORSI 2015

PROSSIMI CORSI