SEZ. 5 - GESTIONE LOGISTICA / APPROVIGIONAMENTO

scheda corso

Scheda n. 5. 10 Ed. 3 - Rev. 00

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

Il concetto di Supply Chain Management ha cambiato, in modo radicale, il modo di pensare e fare management.

Dalla sua prima comparsa, il termine indicava la gestione dei flussi di materiali tra aziende distinte (inter - organizational), il concetto di supply chain management si è evoluto fino a fornire uno schema interpretativo da cui hanno tratto ispirazione numerose discipline manageriali.

L'idea che le prestazioni di un'organizzazione sono influenzate dalle azioni delle organizzazioni che costituiscono la sua supply chain (o, più propriamente, supply network) è stata fonte di riflessione per molti studiosi di management.

L'influenza sul pensiero strategico è stata senza dubbio significativa, tanto da arrivare oggi riconoscono che la competizione avviene tra supply chain e non tra singole aziende. Il fatto che l'importanza del supply chain management sia continuamente cresciuta negli ultimi anni è peraltro confermato dai trend di applicazione emersi; infatti la rilevanza scientifica di una disciplina si rafforza se la sua base di conoscenze è diffusa e se vi è una profusione di idee e interpretazioni sugli elementi che la contraddistinguono.

La ricerca sul supply chain management possiede senza dubbio queste caratteristiche, essendo varia, multidisciplinare e fondata sull'eredità di diverse discipline manageriali preesistenti. Tuttavia, nonostante il continuo sviluppo della conoscenza sul tema, non si può ancora dire che esista un consenso unanime sul significato di supply chain management. In letteratura c'è un'incredibile profusione di definizioni e termini che si riferiscono alla gestione dei supply network. Comunque, è possibile identificare alcuni aspetti comuni a tutte le definizioni. Innanzitutto esse si riferiscono sempre alla gestione delle attività nell'ottica del superamento dei confini della singola organizzazione. Inoltre, emerge che comprendere e gestire le supply chain può essere vantaggioso per le aziende. Quindi, coerentemente con quanto si afferma oggi sostenendo che ogni disciplina ha un suo tema centrale di interesse (common problem), anche il supply chain management, nonostante la sua natura varia e multidimensionale, può essere considerato una disciplina.

Per i manager, il più radicale cambiamento portato dal supply chain management ha riguardato il modo di operare e di percepire il contesto. È già stata sottolineata l'importanza per le aziende di considerarsi come parte di un contesto che comprenda l'intero supply network. È noto che in certi settori i supply network possono essere molto complessi, che l'equilibrio delle relazioni tra gli attori al loro interno è spesso instabile con attori tra loro in competizione diretta in certi mercati, mentre in altri collaborano. Oltre a questo, è importante notare che le aziende interagiscono continuamente con gli altri attori del supply network nello svolgimento delle attività operative, e questo implica una profonda conoscenza, da parte dell'azienda, dei clienti, dei forni tori e delle loro esigenze.

Queste problematiche, che potrebbero apparire ovvie nell'ambito della ricerca sul supply chain management, richiedono in realtà un enorme cambiamento nel modo di operare del management, che deve saper interpretare e comprendere appieno il nuovo contesto in cui si trova a operare.

Il cambiamento di prospettiva richiesto dal supply chain management sembra essere una delle maggiori barriere alla sua realizzazione. Infatti il supply chain management ha portato a modificare il punto di vista e il modo di operare dei manager in diversi contesti settoriali, ma non in tutti.

Inoltre, mentre il paradigma dell'impresa a rete ha avuto applicazioni e risvolti interessanti in analisi a livello di macro supply network (relazioni tra organizzazioni), a livello micro (relazioni all'interno delle organizzazioni) non ha avuto ancora fortuna, né ha influito in modo significativo nel modo di operare del management. In altri termini, l'analisi dei supply network è risultata uno strumento potente nei contesti dove le aziende si scambiano prodotti tangibili, mentre si è sviluppata molto meno nel caso di flussi intangibili. Ciò non è sorprendente, dato che i flussi fisici sono più immediati da studiare, ma è ingiustificato, visto che la maggior parte dei flussi inter - e intra - organizzativi non sono fisici. I network non esistono solo a livello macro, tra le aziende, ma anche a livello micro, ossia all'interno delle stesse aziende. I singoli processi che avvengono all'interno dell'azienda possono essere considerati delle piccole aziende, con input, output, fornitori e clienti interni, obiettivi, responsabilità ecc. Pertanto la stessa impresa può essere vista come un network di processi che interagiscono, ognuno dei quali è cliente e fornitore interno per altri processi.

Analogamente si potrebbero scomporre i processi individuando reti di risorse elementari che interagiscono mentre svolgono le attività. È chiaro che molti dei concetti esposti non sono nuovi, ma lo studio della rete di processi interni - non solo quelli strettamente connessi alle attività di trasformazione - con l'approccio del supply chain management non ha ricevuto ancora l'attenzione che meriterebbe per le sue potenziali ricadute pratiche. Forse i sostenitori più accaniti del supply chain management dovrebbero abbandonare l'enfasi sulla relazione interorganizzativa  per abbracciare un approccio più concreto, che tenga conto sia dei macro - network esterni all'azienda sia dei micro - network al suo interno.Il corso mette in relazione i processi operativi critici, le azioni manageriali indispensabili per gestirli in un’ottica interorganizzativa, e le caratteristiche della struttura del supply network all’interno della quale svilupparli. In contemporanea si manterrà l’attenzione sui processi critici dal punto di vista logistico, in particolare, l’approvvigionamento e la gestione dei fornitori, la distribuzione fisica e la gestione dei materiali.   

  • Concetti base della SUPPLY CHAIN MANAGEMENT
  • Sviluppo della struttura del supply network
  • Sviluppo della struttura relazionale del supply network
  • Approvvigionamento e gestione dei fornitori
  • Distribuzione fisica nei supply networ
  • Gestione dei materiali nel supply network

Destinatari

Responsabili Acquisti, Responsabili Logistica, Responsabili di Produzione

Durata

8  ore


Possono interessare

GESTIONE DELLA LOGISTICA INTERNA

Vai alla scheda del corso

QUALITA' NEGLI APPROVVIGIONAMENTI

Vai alla scheda del corso

GESTIONE DEI MAGAZZINI

Vai alla scheda del corso

RIDUZIONE DEI COSTI D'ACQUISTO (per particolari a disegno e conto lavoro)

Vai alla scheda del corso

MARKETING D'ACQUISTO

Vai alla scheda del corso

IL NUOVO APPROCCIO DELL'ACQUISITORE PER LA RIDUZIONE DEI COSTI

Vai alla scheda del corso

LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI , LA VALUTAZIONE DI PROCESSO

Vai alla scheda del corso

IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE DELLE FORNITURE

Vai alla scheda del corso

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E DEI RIFORNIMENTI

Vai alla scheda del corso

MODULO LOGISTICA (per specialisti)

Vai alla scheda del corso

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT
Il concetto di Supply Chain Management ha cambiato, in modo radicale, il modo di pensare e fare management. Dalla sua prima comparsa, il termine indicava la gestione dei flussi di materiali tra az
Vai alla scheda del corso

CORSI 2015

PROSSIMI CORSI